Contenuto principale

ALIQUOTE

Per l'anno di imposta 2018, con delibera di Consiglio Comunale n. 5 del 23 febbraio 2018 sono state confermate le aliquote d'imposta già in vigore per l’anno 2017,

ABITAZIONE PRINCIPALE appartenente alle categorie catastali A2 A3 A4 A5 A6 A7 A11 E FATTISPECIE ASSIMILATE*** (vedi nota in calce) ESENTE
ABITAZIONE PRINCIPALE appartenente alle categorie catastali A1 A8 o A9 4 per mille con detrazione di 200 euro
ALIQUOTA ORDINARIA 8,6 per mille
ALIQUOTA RIDOTTA PREVISTA DALL'ART 17 DEL REGOLAMENTO IUC PER L'ABITAZIONE CONCESSA IN USO GRATUITO A PARENTI IN LINEA RETTA DI PRIMO GRADO ED ADIBITA DAL BENEFICIARIO AD ABITAZIONE PRINCIPALE. (ENTRO IL 31/12/2017 DEVE ESSERE STATA PRESENTATA SPECIFICA ISTANZA AI SENSI DEL REGOLAMENTO IUC .RESTANO VALIDE LE DOMANDE GIA' PRESENTATE ENTRO IL 31/12/14 PER L'ANNO 2015, ENTRO IL 31/12/2015 PER IL 2016 ED ENTRO IL 31/12/2015 PER IL 2016 ED ENTRO IL 31/12/2016 PER IL 2017) 5,6 mille Aliquota applicabile solo se entro il 31/12/16 è stata presentata l'apposita istanza prevista dal Regolamento IUC

***IMMOBILI ASSIMILATI ALL’ABITAZIONE PRINCIPALE DAL REGOLAMENTO COMUNALE IUC

Oltre alle assimilazioni all'abitazione principale previste ex Lege, nel Comune di Colico, è prevista l'estensione delle agevolazioni previste per l'abitazione principale alle unità immobiliari possedute da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente purché non risulti locata. L'agevolazione si applica con i limiti e le modalità previste dall'articolo 16 del vigente Regolamento IUC che di seguito si riporta:

"ART. 16 UNITÀ IMMOBILIARI POSSEDUTE DA ANZIANI O DISABILI

1. Si considera direttamente adibita ad abitazione principale l’unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili, aventi un I.S.E.E. (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) non superiore ad euro 20.000,00 (ventimila), che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata.

2. Per poter beneficiare dell’agevolazione di cui sopra il contribuente dovrà presentare apposita istanza corredata da certificazione ISEE in corso di validità"

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

RIDUZIONE PER IMMOBILI CONCESSI IN COMODATO (LEGGE DI STABILITA' 2016)

Per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, concesse in comodato dal soggetto passivo ai parenti in linea retta entro il primo grado che le utilizzano come abitazione principale, a condizione che il contratto sia registrato e che il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso comune in cui è situato l'immobile concesso in comodato, la base imponibile è ridotta del 50 per cento; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all'immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;

Si riportano di seguito i link ai chiarimenti Ministeriali in merito a questa agevolazione: CIRCOLARE 1DF

ATTENZIONE!

I contribuenti che hanno diritto all'agevolazione per fabbricati concessi in uso gratuito, prevista dall'articolo 17 del vigente Regolamento IUC , e che possiedono anche tutti i requisiti oggettivi e soggettivi per poter beneficiare della riduzione per gli immobili concessi in comodato gratuito introdotta dalla Legge di Stabilità, calcoleranno l'imposta con applicazione dell'aliquota agevolata del 5,6 per mille e l'abbattimento del 50% della
base imponibile. Si ricorda che l'aliquota agevolata del 5,6 per mille non si applica in nessun caso alle pertinenze. Il modello per richiedere l’agevolazione di cui all’articolo 17 del Regolamento IUC è disponibile al presente link.

IMMOBILI LOCATI A CANONE CONCORDATO

Per gli immobili locati a canone concordato di cui alla legge n. 431/1998, l'imposta, determinata applicando l'aliquota stabilita dal comune, è ridotta al 75 per cento (gode di una riduzione del 25%. Es. imposta dovuta 100 - 25% = 75).

ISCRITTI AIRE

A partire dall'anno 2015 è considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d'uso" Per beneficiare dell’agevolazione è necessario compilare l’autocertificazione allegata e restituirla corredata da documento di identità e libretto di pensione o altro documento comprovante la qualifica di pensionato

SCADENZE DI PAGAMENTO

Ai sensi dell’ art 9 - D. Lgs. 14/03/2011 n. 23, l'imposta e' dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota ed ai mesi dell'anno nei quali si e' protratto il possesso; a tal fine il mese durante il quale il possesso si è protratto per almeno quindici giorni e' computato per intero. A ciascuno degli anni solari corrisponde un'autonoma obbligazione tributaria.

I soggetti passivi effettuano il versamento dell'imposta dovuta al comune per l'anno in corso in due rate di pari importo, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre (quest’tanno il 16 giugno cade di sabato e il pagamento della rata di acconto è pertanto prorogato al 18/06/2018 mentre la rata di dicembre scadrà il giorno 17 essendo il 16 domenica).

Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno.

CODICI DA UTILIZZARE PER IL PAGAMENTO CON MODELLO F24

Codice ente C839 IMU - imposta municipale propria su abitazione principale e relative pertinenze - articolo 13, c. 7, d.l. 201/2011 3912

Codice ente C839 IMU - imposta municipale propria per le aree fabbricabili 3916

Codice ente C839 IMU - imposta municipale propria per gli altri fabbricati 3918

Codice ente C839 IMU - imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - stato 3925

Codice ente C839 IMU - imposta municipale propria per gli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D - incremento comune 3930

DICHIARAZIONI

Tutte le esenzioni, le riduzioni e le variazioni (compreso il valore che determina la base imponibile delle aree fabbricabili) dovranno essere dichiarate – ai fini del riconoscimento del diritto all’applicazione dell’agevolazione - nella dichiarazione IMU (valida anche ai fini TASI) da presentarsi entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello a cui si riferisce l’imposta, vale a dire, per l’anno di imposta 2018, entro il 30 giugno 2019.

Modello di dichiarazione e Istruzioni

INFORMAZIONI - CHIARIMENTI

Per qualsiasi chiarimento è possibile contattare l'ufficio tributi via e mail al seguente indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonicamente al numero 0341934719.